I benefici dei probiotici

Di probiotici si sente parlare spesso in riferimento alla flora intestinale. Quando il nostro intestino ha delle difficoltà, come gonfiore o diarrea, il consiglio è di assumere fermenti lattici per ripristinarne l’equilibrio. Ma i fermenti lattici non sono tutti uguali. Negli yogurt, ad esempio, possiamo trovare sia probiotici che prebiotici. Vediamo qual è la differenza, soffermandoci maggiormente sui probiotici e i loro benefici.

I prebiotici sono quegli alimenti che favoriscono l’equilibrio della flora intestinale, ma non sono organismi vivi. Il loro compito è di nutrire i probiotici, stimolandone l’efficacia. Tra gli alimenti prebiotici troviamo quelli ricchi di fibra, quindi frutta e verdura.

I probiotici, a differenza dei prebiotici, sono organismi vivi. Sono quindi identificati come batteri che nell’intestino sono in grado di moltiplicarsi favorendo un riequilibrio della flora batterica. Ci sono particolari ceppi di batteri che hanno attività probiotica. Fra questi troviamo alcune categorie di lattobacilli, enterococchi e bifidobatteri.

Un alimento probiotico è efficace per il nostro intestino quando il numero di batteri che contiene è superiore a un miliardo. Tra questi alimenti troviamo il latte fermentato Actimel. È una bevanda contenente diverse colture batteriche: due fermenti dello yogurt e un fermento esclusivo. I due fermenti classici sono il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus, in più c’è lo speciale fermento L. Casei Danone (Lactobacillus paracasei ssp. paracasei CNCM I- 1518). L’assunzione di questa bevanda copre una larga fascia di età, infatti, possono berlo tutti dai bambini di tre anni agli anziani. La sua particolarità sta nel fatto che il fermento speciale ha la caratteristica di arrivare vivo all’intestino.

Possono essere differenti i motivi per cui si registra uno squilibrio della flora intestinale. Uno di questi riguarda le terapie antibiotiche. Quando prendiamo gli antibiotici per curare una malattia, il nostro organismo si indebolisce e ne risentiamo anche a livello intestinale perciò è utile contrastare questa conseguenza con i probiotici. Questi agiscono contrastando i batteri patogeni e riequilibrando la microflora intestinale rafforzano la risposta immunitaria dell’organismo. L’intestino può avere difficoltà anche per altre cause come abitudini alimentari non corrette (cibi grassi, fritture) e l’assunzione di medicinali quali la pillola anticoncezionale.

Una carenza di probiotici porta squilibri non soltanto a livello intestinale. A risentirne sono anche altri organi. Quando i batteri nocivi migrano, si possono registrare infezioni urinarie o vaginali. Per questo è importante mantenere un equilibrio costante della flora intestinale.

Comments

comments